Imposta di registro ridotta per gli acquisti di immobili all’asta

Pignoramenti immobiliari:

I’imposta di registro passa dal 9% a 200 euro per il caso di acquisto di una casa a un’esecuzione forzata immobiliare, se rivenduta entro due anni. Chi compra una casa all’asta giudiziaria non paga più l’imposta di registro al 9%: il bonus fiscale per chi acquista case nel corso di una procedura esecutiva (pignoramento immobiliare) è stato pubblicato, due giorni fa, in Gazzetta Ufficiale ed è, quindi, operativo: in particolare, il cosiddetto decreto “Salva banche” [1] prevede l’abolizione dell’imposta di registro al 9% che viene sostituita con un’imposta fissa di 200 euro.

La nuova normativa, contenuta in un decreto legge, è già entrata in vigore (per sua stessa previsione, il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana) e sarà presentata alle Camere per la conversione in legge. Vediamo meglio di cosa si tratta.  Abolizione dell’imposta di registro per .…(continua)

Sorgente: Imposta di registro ridotta per gli acquisti di immobili all’asta

Errore sul database di WordPress: [Table './m171665d1/wp_comments' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed]
SELECT COUNT(*) FROM wp_comments WHERE ( comment_approved = '1' ) AND comment_post_ID = 260 AND comment_parent = 0

Errore sul database di WordPress: [Table './m171665d1/wp_comments' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed]
SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS wp_comments.comment_ID FROM wp_comments WHERE ( comment_approved = '1' ) AND comment_post_ID = 260 AND comment_parent = 0 ORDER BY wp_comments.comment_date_gmt ASC, wp_comments.comment_ID ASC LIMIT 50,50

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *